INCONTRI “UNIVERSO ACQUA”

Ciclo di incontri gratuiti: 12 e 19 aprile, 10 e 24 maggio 2018.

Infini.to, in collaborazione con la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino e SMAT, con il sostegno della Compagnia di San Paolo, propone appuntamenti in cui si svilupperanno connessioni interdisciplinari e riflessioni culturali sul tema dell’acqua.

Acqua molecola diffusa in tutto l’Universo, costituente fondamentale per la vita, elemento naturale attorno al quale sono nate e si sono sviluppate grandi civiltà, oggetto di ricerca e prospettiva futura per nuovi mondi oltre la Terra. Esperti di letteratura, astronomia, ingegneria, ambiente affronteranno da diverse prospettive il tema dell’acqua in un dialogo aperto tra scienza, letteratura e tecnologia con intermezzi musicali sul tema dell’acqua a cura di Alberto Rizzuti – Università degli studi di Torino.

Si segnala l’evento conclusivo organizzato presso Infini.to sabato 26 maggio ore 17.30:
FLUIDI SEMPLICI E FLUIDI COMPLESSI
a cura di Guido Boffetta – Dipartimento di Fisica, Università di Torino
Semplici esperimenti per illustrare alcuni comportamenti inaspettati della dinamica dei fluidi
La partecipazione è gratuita, fino ad esaurimento posti disponibili, presentando il biglietto di ingresso al Museo.
PROGRAMMA

INFORMAZIONI

Eventi gratuiti, fino ad esaurimento posti disponibili. Non si effettuano prenotazioni.

LUOGO: gli incontri si svolgeranno presso l’Auditorium Antonio Vivaldi della Biblioteca Nazionale Universitaria – P.za Carlo Alberto 5/A, Torino.

ORARIO: dalle ore 17.30 alle ore 19.00.

Giovedì 12 aprile
Ore 17.30
Ecologia dell’Acqua
modera Gabriele Beccaria – Giornalista
con Luca Mercalli – Presidente e Editor in Chief della Società Meteorologica Italiana onlus / Nimbus Journal e Daniela Fargione – Università degli Studi di Torino
L’acqua come bene da difendere e preservare anche in un’ottica culturale e letteraria.

Giovedì 19 aprile
Ore 17.30
Acqua dalle Piramidi alla Stazione Spaziale Internazionale
modera Silvio Aime – Professore ordinario di Chimica generale ed inorganica nell’Università di Torino
con Enrico Ferraris – Egittologo curatore del Museo Egizio e Paolo Romano – Presidente SMAT S.p.A.
Intermezzi musicali sul tema dell’acqua a cura di Alberto Rizzuti – Università degli studi di Torino.
L’acqua e l’uomo, un antico legame che porta lontano nello spazio e nel tempo.

Giovedì 10 maggio
Ore 17.30
Acqua e vita
modera Attilio Ferrari – Presidente di Infini.to, Planetario di Torino
con Luigi Colangeli – Head of the Science Coordination Office, Directorate of Science (ESA) e Lorenzo Silengo – Direttore del Molecular Biotechnology Center dell’Università di Torino
Alle origini della formazione dell’acqua e all’origine della vita basata sull’acqua.

Giovedì 24 maggio
Ore 17.30
Acqua nello Spazio
modera Giovanni Caprara – giornalista Corriere della sera
con Franco Malerba – Astronauta e Cesare Lobascio – Infrastructures Systems Innovation Lead, Life Support and Habitability Expert, Domain Exploration & Science Italy, Thales Alenia Space
L’acqua oltre il nostro pianeta una sfida umana, intellettuale e tecnologica.

L’acqua è un bene vitale nell’ambito degli ecosistemi e per la sussistenza dell’uomo sia sulla Terra che nello spazio. Più di 50 anni di missioni umane hanno insegnato a trasportare e conservare l’acqua potabile, che gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) consumano in modo estremamente responsabile: circa 3 litri a persona al giorno per ogni uso. Abbiamo imparato a “confezionare” acque diverse per contenuto di sali e tipo di disinfettante nell’ambito del progetto ATV, lanciando circa 2 tonnellate di acqua torinese alla ISS. Da circa un decennio Thales Alenia Space sta lavorando a nuove tecnologie di recupero, gestione e rigenerazione dell’acqua con l’obiettivo fondamentale di poter ridurre quasi a zero i rifornimenti, quando si avranno missioni lunghe e più lontano dalla Terra. Possiamo farlo sia mediante tecnologie chimico-fisiche che con sistemi biologici, impiegando ad esempio le piante e la loro capacità di depurare l’acqua attraverso la traspirazione fogliare, oltre che di fornirci ossigeno e cibo fresco. Per le missioni su Luna, Marte e asteroidi potremo anche estrarre acqua sia per il consumo che per produrre ossigeno respirabile e propellente, che ci permetterà di esplorare più facilmente il sistema solare. Le tecnologie studiate hanno enormi ricadute nel campo civile, industriale, medico e dello sviluppo sostenibile: vita nello spazio, per una migliore vita sulla Terra!

Evento inserito nel programma del Sistema Scienza Piemonte

SSP_con_testo-2