img_orari

A spasso nel Museo

Infini.to è composto dal Museo interattivo dell’Astronomia e dello Spazio e da un Planetario digitale tra i più avanzati d’Europa.

È un moderno museo della scienza, un Science Centre. Ospita numerose installazioni interattive che permettono al visitatore di sperimentare e approfondire temi astronomici.

Viaggi spaziali verso Marte, simulazioni della forza di gravità su Giove, manipolazione del campo magnetico, visioni 3D dell’Universo e passeggiate tra migliaia di stelle ripercorrendo le più recenti scoperte cosmologiche, sono solo alcune delle attività!

Luce e suoni provenienti dallo Spazio accompagnano il pubblico già dai primi piani del Museo fino ad addentrarsi in luoghi misteriosi alla scoperta dei veri segreti cosmici.

 

Gran parte delle informazioni che oggi abbiamo sullo Spazio vengono captate da telescopi posti sulla superficie terrestre oppure da satelliti in orbita intorno alla Terra.

Grazie a questi sofisticati strumenti possiamo osservare il cielo e gli oggetti che lo popolano a diverse frequenze e, grazie alla una delle postazioni di Infini.to, è possibile interagire con lo spettro elettromagnetico semplicemente animando le teche che contengono alcuni oggetti di uso comune, utilizzati per spiegare come riceviamo le informazioni dallo Spazio.

Non esiste solo l’osservazione da Terra: molte delle informazioni che oggi possediamo, arrivano dall’esplorazione spaziale, che ha fatto passi da gigante grazie all’impiego di satelliti e sonde robotiche, alcuni di questi esposti all’interno del museo e forniti dalla Thales Alenia Space di Torino.

Ad oggi, però, gli unici voli con astronauti sono diretti alla Stazione Spaziale Internazionale, ma il prossimo grande balzo per l’umanità potrebbe essere Marte. Da non perdere quindi la possibilità di viaggiare verso il pianeta rosso, grazie all’installazione che conduce il visitatore a spasso per il nostro Sistema Solare.

Dall’interno di una vera e propria astronave si ripercorrono alcune fasi di un viaggio nello spazio, vivendo insieme all’equipaggio i momenti salienti di una missione, tra cui anche alcuni possibili imprevisti, come lo scontro con un asteroide.

Per poter intraprendere voli spaziali è necessario conoscere le forze che regolano la distribuzione e struttura degli oggetti cosmici.

Componente fondamentale del mondo che ci circonda è la gravità.

L’ambiente Lunare riprodotto a Infini.to permette di compiere dei veri e propri balzi spaziali, come hanno fatto gli astronauti delle missioni Apollo.

Una seconda postazione permette di comprendere quanto pesa lo stesso oggetto posto su diversi corpi celesti e di sperimentare la forza di gravità oltre che sulla Luna e sulla Terra, anche su Marte, Giove e Saturno.

Chi cade prima, la piuma o il martello?

Sulla Terra vince il martello, sulla Luna invece, la sfida si conclude in parità: arrivano contemporaneamente al suolo!

Ma perché cadono insieme?

Domande come questa troveranno risposta nell’area dedicata alla forza di gravità. Non sono da sottovalutare, però, le altre forze.

Alcune installazioni del Museo consentono di sperimentare l’effetto di forza centrifuga e di modificare intensità e geometria del campo magnetico creando figure bizzarre come dipoli e quadrupoli. Il viaggio all’interno di Infini.to è appena cominciato e continua tra stelle, galassie e buchi neri.

Come nascono e muoiono le stelle?

Quante galassie ci sono nell’Universo e quale forma hanno?

Attraverso il cubo cosmico è possibile trovare risposta a queste e molte altre domande.

Installazioni immersive e tecnologicamente all’avanguardia permettono di attraversare la nostra Galassia passeggiando in un campo stellato all’interno della sella cosmica e osservando il video 3D all’interno del cilindro, inoltrarsi sempre più in luoghi misteriosi, giocando con la materia e l’energia oscura e scoprendo i possibili futuri del nostro Universo.

CHI SIAMO

logo_infinito_small


Planetario di Torino, Museo dell'Astronomia e dello Spazio.
Viaggi spaziali verso Marte,
simulazioni della forza di gravità
su Giove, visioni 3D dell’Universo
e passeggiate tra migliaia di stelle.
credits