img_orari

Osservatorio Astrofisico di Torino

Cupola Reosc

L’Osservatorio Astrofisico di Torino (OATo) è una struttura di ricerca dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF).

L’INAF è il principale Ente di Ricerca italiano per l’Astronomia. Il campo delle ricerche si estende a tutto l’arco delle scienze dell’Universo: dal Sistema Solare alla Cosmologia, sia dal punto di vista osservativo e sperimentale che  teorico. A Torino la struttura di ricerca dell’Istituto è l’Osservatorio Astrofisico di Torino che si è costituito, all’inizio del 2012 in seguito alla fusione di due importanti e storiche istituzioni torinesi: l’Osservatorio Astronomico di Torino con l’Istituto di Fisica dello Spazio Interplanetario di Torino, già erede dell’Istituto di Cosmogeofisica del CNR.

La nascita dell’Osservatorio Astronomico di Torino risale al 1759, quando il re Vittorio Amedeo III di Savoia diede a Giovanni Battista Beccaria l’incarico di determinare l’arco di meridiano locale. Gli strumenti astronomici usati per queste misure diventarono il primo nucleo dell’Osservatorio, che a quel tempo era situato nel centro della città. Nel 1912 venne spostato sulla collina di Pino Torinese. La scuola astronomica di Torino iniziò con lo studio della meccanica celeste formulata da Joseph Louis Lagrange, che fondò  l’Accademia delle Scienze di Torino. L’Astrometria classica, la Geodesia e la Planetologia costituirono il principale campo di attività astronomico a Torino per molto tempo, fino al 20° secolo. Venendo ai giorni nostri, i programmi di ricerca portati avanti dall’Osservatorio spaziano dall’astrofisica teorica ed osservativa, alla fisica “astroparticellare” ed includono attività di progettazione e sviluppo non solo di strumentazione a Terra ma anche di missioni spaziali. Difatti, l’Osservatorio Astrofisico di Torino è ed è stato  coinvolto in vari progetti spaziali e tra i più interessanti esperimenti del settore astroparticellare.

IL PARCO ASTRONOMICO

Dal 28 Settembre 2007, nasce il Parco Astronomico che unisce lo storico Osservatorio e Infini.to , di cui l’INAF è un socio fondatore, moderno science center composto da un Museo interattivo dell’Astronomia e dello Spazio e da un Planetario digitale tra i più avanzati d’Europa.

L’Osservatorio Astrofisico e Infini.to compongono il Parco Astronomico.

I due Enti sono distinti: Infini.to è un centro di divulgazione della scienza, OATo un centro di ricerca.

Il Parco Astronomico organizza attività didattiche per gli Istituti scolastici e serate osservative per il pubblico.

Un cielo di stelle al Parco Astronomico

Serata osservativa

ico_spazio_ai_bambini

Il Parco Astronomico, composto da Infini.to e dall’Osservatorio Astrofisico di Torino, organizza serate speciali in cui è possibile osservare il cielo stellato attraverso un viaggio virtuale nel Planetario digitale e visitare una cupola dell’Osservatorio Astrofisico osservando eccezionalmente dal telescopio rifrattore più grande d’Italia.

In caso di brutto tempo l’osservazione diretta del cielo verrà sostituita con una visita storica alla cupola dell’Osservatorio.

La Caffetteria del Museo offre la possibilità di prenotare la “Cena sotto un cielo di stelle”.

Scopri nel calendario delle attività le serate di osservazione del Parco Astronomico.

Attività gratuite, in abbinamento a uno dei percorsi scelti all’interno del Museo

Visita all’Osservatorio Astrofisico

È possibile completare l’esperienza presso Infini.to con una visita alle cupole storiche dell’Osservatorio Astrofisico di Torino. Con il cielo sereno sarà possibile osservare direttamente il sole e i suoi dettagli, in caso contrario la visita sarà di carattere storico.

Destinatari: 8 – 18 anni (III anno Scuola Primaria – V anno Scuola Sec. II grado)

Durata: 1 h circa comprensiva del tempo di trasferimento

Chiedilo all’Astronomo

Ci sono domande a cui non si trovano risposte sui libri? Un ricercatore dell’Osservatorio Astrofisico di Torino è a disposizione degli studenti e degli insegnanti per rispondere ai quesiti a tema astronomico. Le domande dovranno essere formulate e raccolte prima della visita e sottoposte allo Staff di Infini.to.

Destinatari: 6 – 18 anni (I anno Scuola Primaria – V anno Scuola Sec. II grado)

Durata: 20 min circa congiunti allo spettacolo in Planetario

Parole chiave: astronomia, stelle, osservatorio astrofisico

Giallina, stella bambina

Di Daniele Gardiol, Osservatorio Astrofisico di Torino.

L’evoluzione stellare raccontata ai piccoli, esempio di come avvicinare i bambini ad un concetto astronomico complesso attraverso il racconto di una storia.

Destinatari: 6 – 9 anni (I-IV anno Scuola Primaria)

Durata: 20 min circa congiunti allo spettacolo in Planetario

Parole chiave: nascita ed evoluzione delle stelle

Scopri la storia di Giallina

La ricerca si racconta

Continua anche quest’anno la possibilità di conoscere le attività dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, grazie a brevi incontri con i ricercatori dell’Osservatorio Astrofisico di Torino, integrabili nel percorso di visita.

Relatori: L.Abbo, B.Bucciarelli, A.Cora, M.T.Crosta, A.Curir, D.Gardiol, R.Morbidelli, A.Riva, R.Smart, A.Vecchiato, L.Zangrilli.

Destinatari: 14–18 anni (Scuola Sec. II grado)

Durata: 20 min circa contigui allo spettacolo in Planetario

Parole chiave: astronomia, stelle, osservatorio astrofisico

Abstract

CHI SIAMO

logo_infinito_small


Planetario di Torino, Museo dell'Astronomia e dello Spazio.
Viaggi spaziali verso Marte,
simulazioni della forza di gravità
su Giove, visioni 3D dell’Universo
e passeggiate tra migliaia di stelle.
credits